Come funziona un forno a microonde?

Un forno a microonde è uno strumento ormai quasi indispensabile per ogni cucina. Si tratta infatti di un piccolo forno che sfrutta questo tipo particolare di cottura (le microonde, appunto) per cuocere i cibi. Il microonde, come caratteristica fondamentale, consente di risparmiare più della metà del tempo, rispetto ad una cottura più tradizionale, ed inoltre consente di ottenere risultati nettamente migliori in alcuni casi e per alcune preparazioni.

Tutte le informazioni sui forni a microonde sono reperibili all’indirizzo www.guidafornoamicroonde.it, insieme alle classifiche dei migliori modelli, con recensioni e punteggi, in modo da accompagnarvi nella scelta quanto più possibile. Il metodo di cottura del forno a microonde sfrutta un dispositivo chiamato magnetron, in grado di trasformare l’energia elettrica in microonde. Le microonde sono un tipo particolare di onde, molto simili alle onde radio, e quindi definite a bassa energia, che entrano nel forno attraverso un’apertura all’interno e rimbalzano sulle pareti del forno fino a colpire il cibo durante tutto il processo di cottura, consentendo, oltre ad una cottura nettamente più veloce, anche una cottura perfettamente omogenea, in quanto il calore non si irradia solamente dall’esterno verso l’interno, come invece accade nei tradizionali metodi di cottura, come quelli che utilizzano padelle o il forno tradizionale.

L’aspetto finale del cibo sarà ovviamente diverso, e  spesso anche il sapore non sarà esattamente lo stesso che è possibile ottenere con altri metodi di cottura, in quando la cottura a microonde consente anche di mantenere intatte tutte le proprietà nutritive degli alimenti. Sono stati effettuati molteplici studi (anche da importanti istituti come l’organizzazione mondiale della sanità) riguardo la pericolosità delle microonde per il corpo umano e non è stata trovata una sostanziale differenza, per quanto riguarda la cottura del cibo in sicurezza, rispetto ai tradizionali metodi di cottura.

Inoltre, i forni a microonde sono schermati in modo che le microonde non fuoriescano ma, anche in caso questa copertura fosse danneggiata, le microonde hanno un’energia sufficientemente bassa da non rappresentare un pericolo per il corpo umano, in quanto non sarebbero in grado di danneggiare significativamente le cellule di cui è costituita la materia vivente, sia questa degli alimenti o del nostro corpo.