Conto deposito: cos’è e come sceglierlo

Fra i prodotti bancari, uno di quelli più noti ed usati è senza dubbio da sempre il conto deposito. Il conto deposito consiste in uno strumento di investimento sicuro che permette di ottenere una rendita investendo un capitale piccolo o grande, grazie ai tassi di interesse che variano a seconda dell’istituto bancario scelto.

Rispetto al tradizionale conto corrente, il conto deposito offre un numero limitato di servizi, ma ha anche rendite più alte. Il conto deposito in genere permette di fare solamente poche operazioni, quelle di versamento e di ritiro del denaro.

Oggi come oggi è possibile aprire il conto deposito sia online che in maniera tradizionale, in banca. Per aprire un conto deposito tutto quello che serve è la fotocopia della carta d’identità e del codice fiscale, talora anche il certificato di residenza, e bisogna avere un conto corrente tradizionale, anche presso una banca diversa rispetto a quella dove si chiede il conto deposito. Per le banche online, ai sensi della legge antiriciclaggio, possono essere richiesti anche ulteriori dati.

I dati che vengono richiesti per aprire il conto deposito sono l’entità dell’importo e la durata del deposito. Ma come scegliere la meglio il proprio conto deposito? Al di là delle varie offerte proposte dalle banche online e tradizionali, esistono due tipologie di conto deposito che sono quello libero e quello vincolato.

Il conto deposito libero permette al risparmiatore di poter accedere al denaro depositato quando vuole, di prelevarlo e di incassare gli interessi maturati fino a quel momento.

Invece il conto deposito vincolato non permette di ritirare il denaro prima che sia trascorso un periodo stabilito dalla banca che va da uno a 36 mesi. Generalmente il vincolo del conto deposito vincolato fa sì però che si possano avere degli interessi più alti.

Nella scelta del migliore conto deposito per le proprie esigenze bisogna tenere conto della somma che si vuole investire, del valore dell’interesse netto che si ottiene con una semplice operazione: sottrazione delle tasse e delle spese dall’interesse lordo.

Per calcolare il rendimento del conto deposito e scegliere fra una o più offerte, è sufficiente moltiplicare la somma depositata per il tasso netto e quindi dividere per cento.

Altri elementi da conoscere nella scelta del conto deposito sono le modalità di capitalizzazione degli interessi, le spese di istruttoria e della pratica che possono essere più o meno grandi: e non solo, è sempre bene controllare la solidità della banca, prima di aprire un conto deposito.