Gli utilizzi della pentola a pressione

La pentola a pressione è uno strumento molto semplice che appartiene alla cucina tradizionale da moltissimi anni, dimenticato per molto tempo e che ora viene sempre più riscoperto. A causa di un tempo sempre minore da dedicare alla cucina, della frenetica vita moderna che riguarda ormai la maggior parte delle persone, oltre ad un nuovo occhio verso il mangiare sano, sono tornati prepotentemente sul mercato tutti quegli strumenti che consentono di preparare cibi salutari in poco tempo, come, appunto, la pentola a pressione.

Come indicato sul sito Pentola-pressione.it, con una pentola a pressione è possibile dimezzare i tempi di cottura anche degli alimenti più “difficili”, senza che questi perdano preziosi nutrienti e proprietà. Si parla soprattutto di alimenti come i legumi, che richiedono tempi di cottura molto lunghi (si pensi ai ceci, che possono necessitare anche di 4 o 5 ore di cotture in una pentola di tipo tradizionale), e che quindi spesso non vengono consumati, o consumati in maniera minore, a causa dei lunghissimi tempi di preparazione (sempre per i legumi secchi, infatti, è necessario anche un tempo di ammollo che può andare dalle 8 alle 24 ore).

Nella migliore delle ipotesi si ricorre a cibi già pronti e surgelati o in scatola, che però spesso hanno perso, durante il processo di lavorazione, buona parte delle proprietà nutritive, o che sono stati arricchiti di altri ingredienti, sale, grassi o conservanti per allungarne i tempi di conservazione sugli scaffali. L’utilizzo principale di una pentola a pressione, infatti, è quello di accelerare notevolmente i tempi di cottura senza che sia necessario aggiungere ulteriori ingredienti alla preparazione (come ad esempio il bicarbonato di sodio, utilizzato per accelerare alcune cotture), in modo del tutto sicuro, e utilizzando solamente dell’acqua per la cottura, in modo che il risultato sia perfettamente salutare ed adatto ad essere utilizzato in qualunque altra ricetta. Una pentola a pressione è infatti in grado di incentivare il consumo di legumi e verdure nella nostra alimentazione quotidiana, in modo che questa risulti molto più salutare, con importanti risvolti sul benessere della persona, e senza dover acquistare ingombranti robot da cucina o altri strumenti simili.